Castello Cavalieri di Malta, 19/09/1999

 


Castello Cavalieri di Malta, 19/09/1999

Giornate FAI

"Castelli Aperti 1999"

Claudio Maccherani, Perugia, 2021

Castello dei Cavalieri di Malta (Magione)

19 settembre 1999
[Claudio,  Vera, Cesarina, Simone, Marco, Grazia, Sara, Marta, Michela, Lucrezia]

 

[CLICK per ingrandire le foto]


Castello dei Cavalieri di Malta, Magione (foto tratta da "umbriatourism.it")


modellino nave Battaglia di Lepanto

 

 

Cesarina e Vera, Cast.Cav.Malta, 1999

Cavalieri di Malta [21 foto]

slideshow

galleria

 Castello dei Cavalieri di Malta o Badia, Magione

La Badia è un complesso fortificato ricordato fin dal XII secolo come hospitium gestito dai Cavalieri Gerosomilitani almeno a partire dal 1171 e utilizzato dai viandanti che, lungo la Via Francigena, volevano andare a Roma o a Gerusalemme.

Inizialmente era costituito da due sole costruzioni collocate a "L", sovrastate da una torre campanaria. Successivamente fu ampliato fino a raggiungere una pianta quadrata, con un vasto cortile centrale, protetta da una cinta muraria con robusti torrioni agli angoli.

L'antica Badia annovera tra le sue mura una cappella dedicata a san Giovanni Battista, patrono dei cavalieri di Malta, con affreschi della scuola del Pinturicchio (una Natività e la Madonna con Bambino e Santo) fatti realizzare nel 1502 dal Cardinale Giovanni Battista Orsini titolare della commenda sull'abbazia. Attualmente è la residenza estiva del principe e gran maestro dell'Ordine di Malta.

Il castello conobbe una vasta notorietà per la Congiura della Magione, una truce vicenda verificatasi nelle sue stanze e descritta da Niccolò Machiavelli ne Il Principe. Si trattò di una cospirazione contro Cesare Borgia, tramata, nel 1502 dai suoi stessi capitani e alleati. Il "Duca Valentino" voleva fissare a Bologna la capitale del ducato di Romagna, appena costituito, e questo preoccupò molto Oliverotto da Fermo, Vitellozzo Vitelli, Giampaolo Baglioni signore di Perugia, Paolo Orsini e Antonio Giordano che, con altri, si ritrovarono nel maniero magionese, nell'appartamento del cardinale Giovanni Battista Orsini, per congetturare una strategia di difesa, tramite un'alleanza con i Da Montefeltro, i Medici e la repubblica di Venezia contro il Borgia per difendere i Bentivoglio. Il fatto si risolse in modo tragico per quasi tutti i congiurati, a favore di Cesare Borgia. Vitellozzo Vitelli, il duca di Gravina, Paolo Orsini e Oliverotto da Fermo furono invitati a Senigallia dove il 31 dicembre 1502 furono catturati. Nella stessa notte (quindi già nel 1503), Vitellozzo e Oliverotto furono strangolati. I due Orsini morirono il 18 gennaio 1503 a Castel della Pieve, anch'essi strangolati ad opera di  Michelotto Corella, devotissimo sicario e luogotenente del duca di Romagna. Il Cardinale Orsini fu avvelenato a Castel Sant'Angelo.


Castello Cavalieri di Malta, 19/09/1999


Castello Cavalieri di Malta, 19/09/1999


Castello Cavalieri di Malta, 19/09/1999


Castello Cavalieri di Malta, 19/09/1999


Castello Cavalieri di Malta, Google 2021


Castello Cavalieri di Malta, Google 2021


Castello Cavalieri di Malta, Google 2021


Castello Cavalieri di Malta, 2017

Claudio Maccherani, 2021